Blog > Trova un talento

Come attrarre, coinvolgere e trattenere i talenti in azienda

Torna al blog
Iscriviti alla newsletter
Come attrarre, coinvolgere e trattenere i talenti in azienda

Il fenomeno Great Resignation, delle “Grandi Dimissioni”, rappresenta una delle tendenze più interessanti del mercato del lavoro, parallelamente al Job Hopping (letteralmente “saltare da un lavoro all’altro”). Si tratta di un boom di dimissioni volontarie, che vede come protagonisti in prima linea giovani assunti in mansioni impiegatizie del Nord Italia. Nei primi mesi del 2022, questo fenomeno di massa inatteso ha segnato un momento di riflessione per le imprese.

Cosa sta succedendo davvero nel mondo del lavoro? Cosa ricercano i talenti italiani? E cosa possono fare subito le aziende per fronteggiare questo fenomeno?

I NUMERI DEL FENOMENO DELLE DIMISSIONI VOLONTARIE

Analizzando i risultati emersi dall’indagine Aidp (Associazione per la Direzione del Personale) su un campione di circa 600 aziende, il 60% si trovano costrette a far fronte al fenomeno delle dimissioni volontarie. Nel 75% dei casi la tendenza ha colto completamente alla sprovvista i datori di lavoro.

I settori che più colpiti sono Digital & ICT (32%), Produzione (28%) e Marketing e Commerciale (27%). La fascia che guida il fenomeno ha un’età compresa tra i 26-35 anni e rappresenta il 70% del campione, seguita dai lavoratori di 36-45 anni.

Ma cosa cambia rispetto al turnover tradizionale? I lavoratori dimissionari non agiscono con la sicurezza di un piano B: il 36% degli intervistati ha affermato di non aver ricevuto altre offerte di lavoro al momento delle dimissioni.

LE CAUSE DEL BOOM DI LICENZIAMENTI

  1. La ripresa del mercato del lavoro (48%),
  2. la ricerca di condizioni economiche più favorevoli (47%)
  3. l’aspirazione ad un maggior equilibrio tra vita privata e professionale (41%)
  4. la ricerca di maggiori opportunità di carriera (38%).

sono le quattro ragioni alla base della crescita esponenziale delle dimissioni volontarie. Ma non solo: andando a scavare nelle motivazioni degli intervistati è emerso un bisogno più profondo, cioè la necessità di reinventare il proprio percorso professionale.

5 AZIONI DA METTERE IN ATTO PER ATTRARRE, COINVOLGERE E TRATTENERE I TALENTI

Questi ultimi anni hanno rappresentato una svolta per molti lavoratori, pronti a rivalutare obiettivi e priorità in ambito professionale. Di conseguenza, emerge una forte attenzione verso fattori relazionali, come il senso di appartenenza all’organizzazione o la capacità dell’azienda di far crescere e valorizzare i talenti. Si ricercano la flessibilità oraria e di luogo di lavoro dello smart working, ma anche la possibilità di poter migliorare le proprie competenze con la formazione e un percorso di carriera.

Come porsi in ascolto delle esigenze dei dipendenti? Ecco 5 azioni che le imprese lungimiranti possono mettere in campo subito per attrarre, coinvolgere e trattenere i talenti in azienda.

  1. Valori e cultura aziendale al centro
    Un collaboratore che sposa i valori e gli obiettivi aziendali fin dall’ingresso in azienda si sentirà più coinvolto e sarà più efficiente e produttivo. Per mantenere questa direzione è fondamentale introdurre alcuni strumenti, come la valutazione delle performance, piani di sviluppo del personale e forme di incentivazione.
  2. Condivisione degli obiettivi e dei successi
    Per motivare e coinvolgere i dipendenti è importante stimolare il senso di appartenenza attraverso la condivisione degli obiettivi e dei successi. Favorire momenti di incontro e condivisione in questa direzione farà sentire le persone parte di un progetto.
  3. Clima e piani di carriera
    Come ispirare e attrarre il personale in azienda? Per prima cosa è necessario progettare un ambiente di lavoro coinvolgente, che influenzi positivamente la motivazione dei lavoratori. Per garantire un clima sereno è importante instaurare un rapporto di fiducia basato sul rispetto e sull’autonomia delle mansioni tra colleghi. A tal fine si consiglia di definire con chiarezza le responsabilità e il percorso di carriera di ciascuno.
  4. Ascolto dei dipendenti
    È importante facilitare la comunicazione con i dipendenti, garantendo un ambiente in cui si sentano ascoltati e accolti. Alcune azioni in questa direzione sono le indagini sulla soddisfazione dei dipendenti, che aiutano a rilevare specifici bisogni, necessità o criticità.
  5. Brand Awareness
    Per attrarre e fidelizzare i talenti in una sola mossa bisogna sicuramente intervenire sulla reputazione dell’azienda come luogo in cui lavorare bene. Dati alla mano, strategie di Brand Awareness ed Employer Branding consentono la riduzione del tasso di turnover fino al 28% nei 3 anni dall’assunzione; scendono inoltre anche i costi di assunzione e quelli di mantenimento del rapporto.

Vuoi attrarre i migliori talenti in azienda?

Iscriviti alla Newsletter: riceverai aggiornamenti e consigli dal mondo del lavoro e l’esclusivo Sportello Recruiting, con i curriculum dei candidati disponibili all’assunzione.

Contattaci