Blog > Trends di mercato

Diversità e inclusione: come favorire la creazione di un ambiente di lavoro rispettoso dei singoli individui grazie al recruiting

Torna al blog
Iscriviti alla newsletter
diversità e inclusione

Un ambiente di lavoro attento all’inclusività e alla diversità si crea a partire dalla selezione del personale.
Il ruolo delle risorse umane, sempre più fondamentale all’interno delle imprese, prevede anche la creazione e il mantenimento di un ambiente di lavoro eterogeneo e diversificato.

 

Diversità e inclusione nelle aziende

Favorire l’inclusione premia le aziende

Il tema della diversità e dell’inclusione è sempre più diffuso nelle aziende e soprattutto in ambito HR. Tutelare l’unicità dei singoli, respingere i pregiudizi e incoraggiare la creazione di ambienti di lavoro eterogenei non è mai stato così importante come lo è oggi. Dimostrarsi attenti e rispettosi dei valori che promuovono l’inclusione non solo permette alle aziende di essere calamite per talenti ma è anche stato dimostrato che investire nella diversità aumenti la redditività.

Come evidenziato dall’insight “Diversity Wins” di McKinssey:

  • Le società che investono in diversità di genere hanno il 25% di possibilità in più di ottenere una redditività sopra la media.
  • Le imprese che investono in diversità etnica e culturale hanno fino al 36% di possibilità in più di ottenere una redditività sopra la media.

L’eterogeneità dei gruppi di lavoro non fa solo bene alle casse aziendali; i benefici che si ottengono riguardano anche il miglioramento della motivazione dei dipendenti, l’aumento della produttività, la crescita di engagement, creatività e collaborazione, la possibilità di attrarre e trattenere talenti e, non di meno importanza, aumentare la reputazione e la Brand Awareness.

 

Inclusione nel recruiting: come selezionare personale e costruire team ad alte prestazioni

Partire dall’annuncio di lavoro

Nella redazione dell’annuncio per la ricerca di nuovi collaboratori, è indispensabile prestare attenzione al linguaggio utilizzato:

  • Evitare l’uso del maschile sovraesteso come forma neutra è il primo passo da attuare.
  • Eliminare riferimenti a etnie, nazionalità e religioni.
  • Non menzionare fasce d’età desiderate, caratteristiche fisiche.
  • Dichiarare apertamente quanto la diversità sia importante per l’azienda.

4 consigli per un recruiting inclusivo e attento alla diversità

Costruire un processo di reclutamento attento all’inclusione non è semplice come si possa pensare ma David Windley, presidente di IQTalentPartners, consiglia 4 fondamentali passaggi che possono aiutare gli esperti delle risorse umane:

  1. È fondamentale iniziare dal miglioramento del processo di ricerca; il pool di candidati dai quali estrarre la persona perfetta per la propria azienda deve essere ampio e ricco di talenti.
  2. Mantenere un atteggiamento oggettivo, eliminando i pregiudizi anche inconsci.
  3. Valutare obiettivamente i curriculum dei candidati; le persone si allineano istintivamente con chi ritengono essere più simile a sé stesse.
  4. Ricordarsi di accreditarsi come datore di lavoro inclusivo, comunicando l’impegno per la costruzione di una cultura diversificata e inclusiva.

 

Attrarre i talenti in azienda attraverso l’inclusione

Essere un’azienda inclusiva significa implementare politiche di diversità e inclusione e realizzare una formazione continua e puntuale. Non solo, rendere la propria impresa un luogo in cui desiderare lavorare fa parte di una sfera ancor più grande dell’Employer Branding al quale le aziende non possono più rinunciare. Ma da dove partire? Linguaggio inclusivo, politiche di inclusività e attrazione e trattenimento dei talenti sono solo l’inizio!

Il recruiting diventa dunque il passaggio chiave per la costruzione di gruppi di lavoro eterogenei e diversificati. Per attuare una politica di diversità e inclusione è necessario però possedere diversi strumenti; promettere di essere inclusivi non significa esserlo veramente!
Le aziende inclusive e diversificate non solo rispettano la legge in materia ma promuovono e incoraggiano la pluralità di genere, la diversità etnica e religiosa, il rifiuto di pregiudizi di genere, orientamento sessuale ed età.

L’inclusività non si guadagna per tutta la vita, è necessario coltivarla quotidianamente impegnandosi in tutte le attività aziendali.

 

 

Vuoi migliorare le tue competenze e trovare un nuovo lavoro?

Iscriviti alla Newsletter: riceverai offerte di lavoro, aggiornamenti e consigli dei nostri esperti recruiter

Contattaci